• Italiano
  • English
  • EN/IT
    TB BOARD | INTERVISTA A GRAHAM HUDSON
    TB BOARD | INTERVISTA A GRAHAM HUDSON
    [= TB ===== BOARD ==== INTERVISTA ===== A == GRAHAM ==== HUDSON ==]



        [== LINK ==]

    INTERVISTA  A  GRAHAM HUDSON
    ELISA MUSCATELLI

    Elisa Muscatelli – Come descriveresti la tua pratica artistica a un pubblico che la incontra per la prima volta? 

    Graham Hudson – Entrare in contatto con qualsiasi opera d’arte per la prima volta dovrebbe provocare qualche difficoltà, dovresti irrigidirti; ricordati di respirare e ricorda che accettare questo disagio fa parte del processo per sentirsi meglio, per capire qualcosa di nuovo.

    EM – Nella cultura greca classica l’armonia del corpo si rifletteva nel valore d’animo e viceversa. Oggi il corpo viene soffocato da un body positivity sempre più confuso. Come interpreti i corpi del XXI secolo?

    GH – L’armonia del corpo nella cultura greca era naturalmente immersa in una struttura di abuso di classe e di schiavitù, solo pochi eletti hanno potuto sperimentare la accademia e il lusso della palestra. Questo si rispecchia oggi nelle idee di salute e fitness, la giustapposizione, o meglio,  la contraddizione è quello che mi interessa; noi  sappiamo che una buona alimentazione e l’esercizio fisico possono farci sentire meglio, ma allo stesso tempo questo messaggio è inserito all’interno di un mercato, una struttura che promuove  il senso di colpa e la vergogna e mira a ottenere i vostri soldi oltre che omogenizzare il corpo e il tuo comportamento.

    EM – La concretezza materica ultimamente si sta rimodulando secondo le regole dell’esperienza virtuale. Il tuo account @physical_culture_philosophy presenta un nuovo modo di vedere la fisicità. Quale è la tua visione a riguardo e che limiti/vantaggi espressivi impone il tuo account social rispetto alla pratica scultorea?

    GH – Lo scopo di questo account Instagram è presentare l’arte, la filosofia, la scienza, lo sport e il fitness in un tutt’uno, come nella visione greca e romana. Nell’ambiente del fitness è raro incontrare qualcuno che sappia che storicamente il tapis roulant veniva usato come punizione nelle prigioni, pensando invece al futuro, la palestra è un elemento essenziale di equipaggiamento su qualsiasi esplorazione spaziale dato che i muscoli iniziano ad atrofizzarsi nel momento in cui sono fuori dalla gravità terrestre. Presentare questo su Instagram è un approccio interdisciplinare diretto. Nel mondo dell’arte scolpire è intrinsecamente maschile, essere uno scultore,  nel mondo del fitness scultura o scolpire è effettivamente di genere femminile in quanto suggerisce la rimozione di materiale, lo spazio nel limbo è dove è divertente giocare.

    EM – Tra le tue recenti attività compaiono l’ostacolata richiesta di una residenza artistica all’interno di una palestra e l’installazione di una tua opera in un negozio Burberry.
    Cosa ne pensi dell’interferenza tra alta moda, multinazionale e sistema dell’arte?

    GH – Tutti questi ecosistemi, moda, arte, corporate fitness hanno le loro gerarchie e comportamenti incorporati, regole invisibili e comportamenti sociali,  mischiandoli e mettendoli faccia a faccia siamo di fronte alla matrice. Può una palestra essere una galleria d’arte? Può una casa di moda  essere un mercato di verdure? In che luogo dovrebbe collocarsi l’arte? Dipende da chi fa la domanda, comunque che cosa ci aspettiamo dall’arte e dal design ?  la capacità di creare qualcosa partendo dalla vita stessa.

    EM – C’è un riferimento artistico, letterario o cinematografico che ha avuto particolare impatto nello sviluppo della tua carriera artistica e personale?

    GH – Questa sì che è una risposta è facile, naturalmente sì e ce ne sono molti, e anche se mi piacerebbe citarne alcuni, penso che, ciò che è significativo è che ogni incontro influenza il tuo sviluppo nella vita, in termini di arte potrebbe essere un pezzo fatto da uno studente da un bambino, o qualcosa che proviene da un museo e per cui avete viaggiato o avete aspettato a lungo prima di poterlo vedere. L’incontro artistico è legato al momento in cui si sperimenta, che tipo di giornata stai avendo, se sta piovendo, se hai fame. Una breve conversazione potrebbe influenzare tutta la tua vita, la decisione di prendere un autobus piuttosto che un treno, o di partecipare a una conferenza d’arte che avresti potuto facilmente perdere. Penso che  tutte queste cose formino un grande quadro, che è una cosa stimolante ed emozionante.
    Grazie

    © THE BLANK 2021
    SOCIAL
                   
    APP
       
    TB BOARD | INTERVISTA A GRAHAM HUDSON