• Italiano
  • English
  • EN/IT
    L’artista del mese
    GIULIO ALVIGINI
    [=== GIULIO === ALVIGINI ==]
    NEWSLETTER OTTOBRE 2019
        [== LINK ==]

    THE BLANK CONTEMPORARY ART
    99 PAROLE CON GIULIO ALVIGINI

    Sembra quasi scontato – oggi – aspettarsi da me un meme, una battuta tagliente o una barzelletta: essere considerato un “buffone di corte” dal sistema dell’arte nostrano è sempre stata la mia più grande aspirazione.
    Non è la critica ad interessarmi – non saprei praticarla! –, è più che altro amore incondizionato per il fenomeno che osservo, la visualizzazione della bellezza collaterale del mercato, dei rituali e del gossip di questa cornice sociale.
    Se l’arte ha a che fare con le ossessioni, io ho fatto delle isterie e delle contraddizioni che caratterizzano il mondo dell’arte la mia ossessione.

    W IL SISTEMA DELL’ARTE (ITALIANO)!

    EVA & FRANCO MATTES
    [== EVA ==== FRANCO === MATTES =]
    NEWSLETTER SETTEMBRE 2019
        [== LINK ==]

    Eva and Franco Mattes
    Personal Photographs, September 2009
    2019
    Cable tray, ethernet cables, digital images, Raspberry Pi single-board computers, micro SD cards, USB flash drives, custom software
    Dimensions variable
    Exhibition view, Team Gallery
    Photo credits: Jeff McLane

    THE BLANK CONTEMPORARY ART
    99 PAROLE CON EVA E FRANCO MATTES

    #!/bin/sh

    echo “Beginning photo sync…”

    #if [ “$(hostname)”==”rpa.local” ]; then
    #echo “$(hostname -s)”
    if [ “$(hostname -s)” = “rpa” ]; then
    recipient_host=”rpb.local”
    #recipient_host=”10.0.0.49″ #rpb
    #recipient_host=”rpb”
    echo “Sending photos to “$recipient_host”…”
    else
    recipient_host=”rpa.local”
    #recipient_host=”10.0.0.1″ #rpa
    #recipient_host=”rpa”
    echo “Sending photos to “$recipient_host”…”
    fi

    usb_drive_name=”$(ls /media/pi/ | head -n 1)”
    #usb_drive_name_escaped=”(command printf ‘%q’ $usb_drive_name)”
    #usb_drive_name_escaped=${$usb_drive_name// /\ }
    #usb_drive_name_escaped=${usb_drive_name// /_}

    echo “Using USB drive:” $usb_drive_name

    sender_path=/media/pi/$usb_drive_name/sending

    recipient_path=/media/pi/$usb_drive_name/receiving

    echo “Sending files in:” $sender_path
    echo “Sending files to:” $recipient_host:$recipient_path

    rsync –progress -a –recursive –ignore-times $sender_path/. pi@$recipient_host:$recipient_path

    echo “Fin.”

    GENESIS BELANGER
    [=== GENESIS ==== BELANGER ==]
    NEWSLETTER LUGLIO 2019
        [== LINK ==]

    Genesis Belanger
    coins for the ferryman
    2019
    Porcellana e grès
    Dimensioni variabili
    Courtesy l’artista e Francois Ghebaly Gallery,
    Los Angeles CA
    Photo credits: Pauline Shapiro

    THE BLANK CONTEMPORARY ART
    99 PAROLE CON GENESIS BELANGER

    Sembra esistere un abisso per quanto poco comprendiamo ciò che motiva le nostre azioni. Originariamente, ero affascinata da questa inconsapevolezza e da come era – all’incirca – utilizzata come arma contro di noi dall’industria pubblicitaria. Più recentemente ho notato come questa disconnessione interiore ci colpisca in un contesto più intimo: nel modo in cui manifestiamo dolore per una perdita. La perdita è una parte inevitabile della vita, eppure siamo così ossessionati dal vivere che non abbiamo molto supporto culturale nell’affrontarla. Questo disincentiva una comprensione presente di come siamo influenzati dal nostro dolore. Piangiamo molte cose – in primis una morte –  ma la gravità di una perdita estrema non annulla il dolore delle perdite minori. Tutti piangiamo le assenze, grandi e piccole. È tempo di trasformare tutti questi sentimenti disordinati in consapevolezza.

    ALEJANDRA HERNÁNDEZ
    [=== ALEJANDRA ==== HERN === NDEZ ==]
    NEWSLETTER GIUGNO 2019
        [== LINK ==]

    Studio di Alejandra Hernández, Bogotà, 2019
    in secondo piano
    Alejandra Hernández, Andrea & Santiago, 2019

    THE BLANK CONTEMPORARY ART
    99 PAROLE CON ALEJANDRA HERNÁNDEZ

    Ciò che intendo fare sono fondamentalmente ritratti del nostro tempo, di diversi modi di vivere, più che un dipinto finale lo vedo come un documento di persone che stanno camminando su questa terra e che a volte ho il piacere di incontrare e tradurre detto incontro in una tela. Più che un dipinto lo vedo come un costrutto sociale, in cui entrambe le parti sono in costante dialogo e tutti i nostri problemi possono essere ignorati per poche ore mentre condividiamo l’esperienza e concretamente lo trasformiamo in un dipinto.

    SANTIAGO REYES VILLAVECES
    [= SANTIAGO === REYES == VILLAVECES =]
    NEWSLETTER MAGGIO 2019
        [== LINK ==]

    Santiago Reyes Villaveces, Harp, 2019.
    Courtesy The artist, The Blank Contemporary Art, Fondazione Amleto Bertoni
    Installation view. Sacrestia ex-chiesa Sant’Ignazio, Saluzzo (CN), Italy

    THE BLANK CONTEMPORARY ART
    99 PAROLE CON SANTIAGO REYES VILLAVECES

    Il progetto Harp consiste nella costruzione di una copia esplosa dell’arpa Tópaga (1680) che va a occupare lo spazio architettonico della Sacrestia della Chiesa di Sant’Ignazio.
    Il design dello strumento è deformato attraverso l’uso di una struttura ellittica con due ponti focali.
    Usando i cassetti aperti, le finestre e la struttura fisica della Sacrestia come scatole di risonanza, Harp diviene un’arpa poliarchica (dall’origine multipla), un flusso di frequenze storiche, architettoniche incarnate e decolonizzanti che mira a destabilizzare la storia d’origine consegnata al “nuovo mondo” dall’arpa gesuita.

    KLAUS RINKE
    [=== KLAUS == RINKE ===]
    NEWSLETTER APRILE 2019
        [== LINK ==]

    Klaus Rinke
    Taking Possession of the Mediterranean for the Arts
    Spain, 1969
    100 x 140 cm
    Courtesy of the Artist

    THE BLANK CONTEMPORARY ART
    99 PAROLE CON KLAUS RINKE

    “Ho scoperto che l’acqua era un materiale scultoreo. Nel maneggiare l’acqua, ho concluso che riempire una scultura con acqua richiede tempo. Una tonnellata, quanto tempo occorre per riempirla? Quanto per svuotarla?” Rinke usa l’elemento dell’acqua come simbolo universale di femminilità e fertilità, purificazione e flusso, spesso concentrandosi sull’evaporazione dell’acqua per rappresentare la sua impermanenza. Nella sua arte, enfatizza l’acqua come elemento essenziale concentrandosi sulla sua importanza per la vita e il benessere umano. Il suo lavoro con l’acqua serve anche a mettere in evidenza le sue preoccupazioni ambientali sottolineando la fragilità, la scarsità e l’interconnessione delle nostre risorse idriche globali.

    NATHALIE DJURBERG & HANS BERG
    [= NATHALIE == DJURBERG ==== HANS = BERG ===]
    NEWSLETTER MARZO 2019
        [== LINK ==]

    Nathalie Djurberg & Hans Berg
    Dark Side of the Moon, 2017
    Stop motion animation
    06:40 min.
    Ed.: 4, II

    THE BLANK CONTEMPORARY ART
    99 PAROLE CON NATHALIE DJURBERG & HANS BERG

    Non c’è bisogno di essere una camera
    per venire infestati –
    non c’è bisogno di essere una casa –
    la mente ha corridoi in quantità.

    Più sicuro è incontrare a notte fonda
    un fantasma esteriore –
    che affrontare l’intima presenza
    di quel più gelido visitatore.

    Più sicuro un galoppo in abbazia –
    rincorsi dalle pietre –
    che incontrare se stessi disarmati –
    in un luogo del tutto solitario.

    L’io che dietro di noi rimane occulto,
    questo è terrorizzante –
    l’assassino nascosto in casa nostra –
    non è poi un così profondo orrore.

    Il corpo impugna a un tratto la pistola –
    mette spranghe alla porta –
    trascurando un fantasma superiore
    ancora più vicino.

    PAOLO ICARO
    [=== PAOLO = ICARO ===]
    NEWSLETTER FEBBRAIO 2019
        [== LINK ==]

    Studio di Paolo Icaro, Tavullia, 2019
    in primo piano
    P. Icaro, Racconto, dal 1969, onice, piombo,
    cm. 116x152x11

    THE BLANK CONTEMPORARY ART
    99 PAROLE CON PAOLO ICARO

    Mi pareva di aver incontrato in quel lingotto di acciaio comune, chiamato comunemente ferro, una proporzione, un’unità direi “simbolica” di tutto il ferro: quel metallo era tutto lì dentro in un’implosione atomica. Quel lingotto non era una forma, non era un oggetto ma una cosa in sé. Così cercai altre materie che mi fossero altrettanto intensamente attraenti, e l’unico criterio formale che mi imposi furono le dimensioni del primo Racconto. […] L’altro criterio fu l’intensità e la soddisfazione dei vari incontri, ora echi di memorie ora di nostalgie, di luoghi e situazioni.

    estratto da Paolo Icaro. Faredisfarerifarevedere, a cura di Lara Conte, Mousse publishing, 2016

    JORGE MACCHI
    [== JORGE == MACCHI =]
    NEWSLETTER GENNAIO 2019
        [== LINK ==]

    Jorge Macchi
    Overwhelmed
    2018
    acquerello su carta
    29,7 x 42 cm
    Courtesy the artist and GALLERIA CONTINUA, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana
    Photo Ela Bialkowska, OKNO Studio

    THE BLANK CONTEMPORARY ART
    99 PAROLE CON JORGE MACCHI

    El artista toma de la mano al visitante y lo lleva al interior del bosque. El artista lo conoce muy bien (de hecho ha plantado todos los arboles). Lleva al visitante hasta un claro en el medio del bosque. Se quedan allí unos minutos en silencio. Aprovechando un momento de distracción el artista desaparece detrás de unos arbustos y corre entre los árboles por un camino tantas veces transitado por él hasta llegar al limite de su bosque. El visitante repentinamente comprende que está solo en un lugar desconocido. Intenta algunos caminos para salir pero todos lo llevan de nuevo al claro del bosque. Se arrepiente de haberse distraído con esas flores.

    JONATHAN MONK
    [== JONATHAN ==== MONK ==]
    NEWSLETTER DICEMBRE 2018
        [== LINK ==]

    Jonathan Monk, Monk, 2002, Acciaio inossidabile lucidato, Edizione 3, 439,5 x 132 x 38cm, (173 x 52 x 15 in.)

    THE BLANK CONTEMPORARY ART
    99 PAROLE CON JONATHAN MONK

    Molto spesso vedo le opere di altri artisti e penso… mi piace… come posso usarlo e renderlo mio?
    Come posso cambiare il contesto e creare qualcosa di nuovo, qualcosa di Jonathan Monk.
    Sono abbastanza sicuro che molti artisti si sentono segretamente allo stesso modo…
    Alcuni anni fa stavo sfogliando un catalogo di sculture di George Condo e sono rimasto piacevolmente sorpreso dai contenuti: mi piacciono molto i suoi dipinti e sembra un artista ossessionato in modo davvero interessante. Ma le sculture in cui mi sono imbattuto sulla pagina stampata erano profondamente diverse dalle mie aspettative – ho visto grandi lettere tridimensionali ritagliate in acciaio inossidabile lucidato che spiegavano i nomi dei grandi del Jazz – MILES DAVIES, BIRD (Charlie Parker) e MONK come in Thelonious – Il resto penso che tu possa capirlo da solo…

    © THE BLANK 2019
    SOCIAL
                   
    APP
       
    NEWSLETTER DICEMBRE 2018 | JONATHAN MONK