• Italiano
  • English
  • EN/IT
    Eventi
    EVENTI
    [=== EVENTI =]
    GAMEC – GALLERIA D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
    04.10.18 - 20.10.18
        [== LINK ==]

    4 ottobre, ore 17:00 

    KIDS PREVIEW! 

    Per festeggiare l’opening della mostra Black Hole. Arte e matericità tra Informe e Invisibile, i Servizi Educativi organizzano un’esclusiva anteprima per i visitatori più piccoli.

    Prima dell’apertura ufficiale, è in programma un itinerario in mostra, cui seguirà un laboratorio “diffuso” tra le sale e i nuovi spazi dei servizi educativi.

    Il percorso gratuito è dedicato a un gruppo di bambini dai 5 agli 11 anni.

    Iniziativa a numero chiuso.

    Prenotazione obbligatoria: servizieducativi@gamec.it

    5 ottobre, ore 17:00 – 19:00

    8 ottobre, ore 17:00 – 19:00 

    PREVIEW PER I DOCENTI 

    Con l’apertura della mostra Black Hole. Arte e matericità tra Informe e Invisibile, i Servizi Educativi della Galleria offrono ai docenti delle scuole di ogni ordine e grado l’occasione di scoprire gratuitamente i capolavori esposti e le proposte dedicate ai loro studenti.

    Scuole dell’infanzia e Primaria:

    venerdì 5 ottobre, dalle ore 17:00 alle ore 19:00

    Scuole Secondarie:

    lunedì 8 ottobre, dalle ore 17:00 alle ore 19:00 

    Iniziativa a numero chiuso.

    Prenotazione obbligatoria: servizieducativi@gamec.it

    13 ottobre

    GIORNATA DEL CONTEMPORANEO

    Anche quest’anno la GAMeC aderisce alla Giornata del Contemporaneo, il grande evento annuale promosso da AMACI – Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani dedicato all’arte del nostro tempo e al suo pubblico.

    Quest’anno, la mostra Black Hole. Arte e matericità tra Informe e Invisibile sarà aperta gratuitamente dalle 10:00 alle 18:00.

    In occasione dell’evento, il museo sarà una delle sedi di una mostra personale di Marcello Maloberti – artista che ha firmato l’immagine guida di questa edizione – diffusa su tutto il territorio nazionale: i musei AMACI ospiteranno infatti simultaneamente e per un giorno una selezione di opere dell’artista, permettendo al pubblico di conoscere e approfondire la sua produzione performativa.

    13, 14, 20 ottobre, ore 15:00

    Ciclo di conferenze di Amedeo Balbi, Gian Francesco Giudice e Giulio Peruzzi 

    Nell’ambito della mostra Black Hole. Arte e matericità tra Informe e Invisibile, la Galleria e BergamoScienza promuovono una serie di conferenze parte del programma della sedicesima edizione del festival e del nuovo ciclo di Public Program, la piattaforma di incontri aperti al pubblico nata dalla collaborazione con l’Accademia di Belle Arti G. Carrara, che quest’anno vede inoltre la collaborazione di Lab80.

    Per l’occasione, incontri d’eccezione con importanti personalità del panorama scientifico vi accompagneranno alla scoperta di altrettanti temi – Cosmologia, Buchi Neri e Massa – ravvisabili anche nelle ricerche di alcuni degli artisti presenti in mostra, da Auguste Rodin ad Alberto Giacometti, da Jean Dubuffet ad Anish Kapoor.

    Sabato 13 ottobre, ore 15:00

    I LIMITI DELLA COSMOLOGIA

    Relatore: Amedeo Balbi 

    Astrofisico; professore associato all’Università di Roma Tor Vergata

    Cosa possiamo davvero sapere sull’universo se esistono limiti fondamentali alla nostra comprensione, come l’esistenza di orizzonti, il fatto che occupiamo un posto specifico nello spazio e nel tempo, la presenza di componenti oscure e l’assenza di un quadro fisico affidabile per interpretare il comportamento dell’universo primordiale. Riusciremo ad aggirare questi limiti?

    Domenica 14 ottobre, ore 15:00

    LO STRANO MONDO DEI BUCHI NERI

    Relatore: Gian Francesco Giudice 

    Direttore del Dipartimento di Fisica Teorica del CERN di Ginevra

    I buchi neri sono tra i più semplici e allo stesso tempo più misteriosi corpi celesti che conosciamo. Le loro bizzarre proprietà hanno stimolato racconti e film di fantascienza, mentre il loro studio ha svelato enigmi e paradossi che potrebbero rivelarci nuovi indizi sulle leggi fondamentali dell’universo. Ma il meglio deve ancora arrivare: grazie alle recenti osservazioni delle onde gravitazionali si sono aperti nuovi orizzonti nell’esplorazione di questi mostri del cielo.

    Sabato 20 ottobre, ore 15:00

    LA NATURA DELLA MASSA. STORIA DI UN CONCETTO SCIENTIFICO

    Relatore: Giulio Peruzzi

    Professore associato di Storia della Fisica all’Università di Padova

    Con la nascita della Scienza Nova, tra il XVI e il XVII secolo, si avvia il superamento delle concezioni metafisiche della massa e l’uomo inizia a definire in modo più operativo e scientifico la natura della materia che lo circonda. Partendo dai contributi di Galileo fino alle moderne teorie del Novecento, prima fra tutte la Teoria della Relatività di Einstein, esploreremo la storia di uno dei concetti scientifici più complessi.

    GAMeC, Spazio ParolaImmagine

    Ingresso libero, posti limitati

    Prenotazione obbligatoria sul sito bergamoscienza.it 

    OPEN STUDIO | VALENTINA FURIAN E LETIZIA SCARPELLO
    [=== OPEN = STUDIO ===== VALENTINA == FURIAN ==== E === LETIZIA === SCARPELLO ==]
    TB RESIDENCY
    18.10.18

    18 ottobre 2018, ore 18.00
    GIACOMO, via Quarenghi 33



        [== LINK ==]

    OPEN STUDIO

    THE BLANK CONTEMPORARY ART
    e FARE Cultura Contemporanea Applicata
    presentano le prime vincitrici del bando di residenza d’artista
    HIGHLIGHTS 

    Valentina Furian e Letizia Scarpello sono le vincitrici di HIGHLIGHTS, programma di residenza d’artista realizzato da The Blank in partnership con FARE, con il sostegno del MiBAC e di SIAE, nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura”, rivolto ad artisti under35 residenti in Italia. I progetti sono stati selezionati dalla giuria internazionale composta da Domenico De Chirico (curatore indipendente e direttore artistico di DAMA), Stefano Raimondi (curatore e critico) e Driant Zeneli (artista e direttore artistico di Mediterranea18). 

    Il 18 ottobre alle 18.00 in occasione della premiazione e dell’Open Studio finale, ospitato presso GIACOMO, lo spazio espositivo dell’Accademia di belle arti G. Carrara, le artiste vincitrici presenteranno il progetto artistico realizzato durante la loro permanenza sul territorio.

    HIGHLIGHTS è un programma di residenza d’artista, che vede la diversità come un importante fattore di ricchezza: in un medesimo ciclo di residenze gli artisti sono coinvolti e messi a dialogo con diversi operatori culturali, secondo le specifiche esigenze. L’obiettivo è di offrire agli artisti l’opportunità di sviluppare progetti innovativi, legati alle esperienze vissute e a un più ampio contesto di riferimento.

    LE ARTISTE

    Valentina Furian (Venezia, 1989, vive e lavora tra Venezia e Roma). La sua ricerca si sviluppa a partire da processi di rielaborazione della realtà attraverso l’inserimento di forme deviate dalla consuetudine. Deformando entità preesistenti reinventa la realtà creando situazioni immersive utilizzando principalmente l’immagine in movimento. L’interesse dell’artista mira anche alla creazione di nuovi luoghi, modellando lo spazio a livello scultoreo e creando nuovi environments, che sono spesso documentati a livello fotografico o cinematografico ma mantengono il proprio valore come singole sculture.

    Letizia Scarpello (Pescara, 1989, vive e lavora a Milano). Ha studiato Costume e Scenografia all’Accademia di Brera di Milano dopo una laurea triennale in Fashion Design all’Istituto Marangoni di Londra. Analizzando il mondo tessile in relazione alle attitudini umane e agli ambienti sociali ha gradualmente concentrato le sue attenzioni sull’idea di relazione prendendo spunto anche dalla danza, che ha praticato per più di dieci anni, il teatro e le performing arts.

    Si ringraziano:
    Accademia di belle arti G.Carrara
    Dir. Giacomo Invernizzi, Associazione Opera Bonomelli Onlus
    Architetto Maria Claudia (Mariola) Peretti, Studio Peretti
    Alice Bosio, Area Politiche del Territorio, Direzione Pianificazione Urbanistica, ERP
    Comune di Bergamo

    QUANDO:
    18 ottobre 2018
    Ore: 18.00

    DOVE:
    GIACOMO
    in via Quarenghi 33

    PER INFORMAZIONI:
    The Blank Contemporary Art
    Via G. Quarenghi 50 – 24122 Bergamo, Italy
    PH +39 035 19903477
    E: associazione@theblank.it
    E: info@theblankresidency.it
    www.theblank.it

    MOSTRA DIFFUSA
    [= MAMMA CON BAMBINO =]
    MAMMA CON BAMBINO
    01.10.18 - 15.10.18

    Mamma con Bambino
    mostra diffusa
    dal 1-10 al 15-10
    nelle principali vie di Bergamo
    inaugurazione: martedì 2 ottobre ore 11.30 Palazzo Frizzoni



        [== LINK ==]

    Mamma con Bambino
    mostra diffusa
    dal 1-10 al 15-10
    nelle principali vie di Bergamo
    inaugurazione: martedì 2 ottobre ore 11.30 Palazzo Frizzoni

    Perchè ammirare una mamma che allatta in un quadro ci emoziona e vederla dal vivo invece ci stupisce o addirittura ci infastidisce?
    Nasce così “Mamma con bambino 2018”, il progetto artistico di Maria Zanchi, che si pone l’obiettivo di ricomporre gli sguardi accoglienti e quelli criticanti attraverso una mostra fotografica “on the road” di cui è autrice che si svolgerà a Bergamo dal 1 al 15 ottobre 2018 in concomitanza della Settimana per l’Allattamento Materno (SAM).

    “Da artista e fotografa sono sempre stata abituata ad osservare il mondo e le persone attraverso l’obiettivo della mia macchina fotografica, Quando sono diventata mamma, mi sono trovata ad essere oggetto di sguardi mentre allattavo in luoghi pubblici.
    Sono sguardi che pesano a tutte le mamme.
    Per lo stato italiano l’allattamento è un diritto delle madri e dei loro bambini che viene tutelato dalle leggi: dunque, qualsiasi comportamento che sia offensivo e discriminatorio nei
    confronti di una madre che allatta è illegittimo. La cronaca, invece, ci riferisce di numerosi casi di discriminazione e di violazione delle leggi.
    Sono tantissime le mamme che sono state cacciate da locali, negozi o luoghi pubblici, perché stavano allattando il proprio bambino.
    In Italia i dati riguardanti i disagi dell’allattamento in pubblico, raccolti attraverso un questionario su territorio nazionale, rivelano che:
    – il 31% delle donne ha vissuto atti discriminatori durante l’allattamento in luoghi pubblici;
    – I centri commerciali, i ristoranti, i giardini, gli ambienti medico-sanitario sono i luoghi dove si registrano maggiori discriminazioni;
    – le città con la più alta incidenza di discriminazioni sono: Roma, Torino, Verona, Treviso.

    Come mai se l’Italia è la patria dell’iconografia della Madonna con Bambino?  È nata in me l’esigenza di lavorare su quel guardare per ri-attualizzare un’icona, la Madonna che allatta, ai nostri giorni per ri-educare ad una visione che fa parte dei nostri archetipi visivi.

    Il progetto “Mamma con bambino 2018” gode del patrocinio della Regione Lombardia, Ospedale di Bergamo ASST papa Giovanni XXIII, Ordine della Professione di Ostetrica Interprovinciale di Bergamo, Cremona, Lodi, Milano, Monza e Brianza; del contributo di Ser.eN.A., cooperativa sociale, e Nepios Onlus, Associazione a tutela dell’infanzia e Lions International; della partecipazione di partner tecnici e sponsor.

    www.mammaconbambino.it
    info@mammaconbambino.it

    MOSTRE
    [= MOSTRE ===]
    GAMEC – GALLERIA D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
    04.10.18 - 06.01.19
        [== LINK ==]

    Apre la grande mostra sulle profondità della materia

    BLACK HOLE. Arte e matericità tra Informe e Invisibile

    Dal 4 ottobre 2018 al 6 gennaio 2019 la GAMeC presenta Black Hole. Arte e matericità tra Informe e Invisibile, a cura di Sara Fumagalli e Lorenzo Giusti, che si avvale della consulenza scientifica del fisico Diederik Sybolt Wiersma e della collaborazione di BergamoScienza.

    Primo appuntamento di un ambizioso ciclo triennale dedicato al tema della materia, la mostra presenta un dialogo inedito tra materia, arte e scienza attraverso un percorso espositivo scandito in tre sezioni che vede protagonisti autori di generazioni diverse che hanno dedicato la propria ricerca alla sua interpretazione.

    La sezione Informe annovera artisti che utilizzano i materiali non come elementi da plasmare con l’intento di creare nuove forme, ma in virtù della loro valenza intrinseca: capolavori di Jean Fautrier, Lucio Fontana, Piero Manzoni e Antoni Tàpies sono posti in dialogo con le Combustioni e i Cretti di Alberto Burri, le sculture di Urs Fischer, le statue “colanti” di Cameron Jamie e le eteree astrazioni screpolate di Ryan Sullivan, per citarne alcuni. 

    La sezione Uomo-Materia mette invece a confronto opere contraddistinte da una forte componente materica e dalla presenza dell’elemento antropomorfo. Tra questi, le sintesi plastiche di Auguste Rodin e Medardo Rosso; le figure “intrappolate” di Alberto Giacometti; le teste monolitiche di Hans Josephsohn; i dipinti informali di Enrico Baj; i lavori di Karel Appel e Asger Jorn, caratterizzati da colori brillanti, violente pennellate e figure umane distorte, accanto a opere di artisti contemporanei quali Florence Peake e William Tucker.

    Infine, la sezione Invisibile accoglie un nucleo di lavori che guarda agli aspetti più nascosti della materia, in dialogo con la dimensione atomistica e subatomica. Dalle celebri Tessiturologie di Jean Dubuffet – visioni microscopiche di un elemento materiale – alle esplosioni di materia-luce di Tancredi Parmeggiani; dalle composizioni degli artisti del Movimento Arte Nucleare – Enrico Baj, Sergio Dangelo e Joe Colombo – che rielaborano le suggestioni provocate dall’esplosione della bomba atomica, alle ricerche di Jol Thomson, Hicham Berrada e Thomas Ruff, che vedono la nozione classica di “materia” sfumare a livelli subatomici, abbracciando il concetto di energia. 

    Il percorso si chiude con il lavoro di Evelina Domnitch & Dmitry Gelfand, artisti selezionati per la prima edizione di Meru Art*Science Research Program, il nuovo progetto di ricerca ideato in collaborazione con la Fondazione Meru e BergamoScienza finalizzato alla realizzazione di interventi site specific dedicati al rapporto arte-scienza. L’installazione ambientale, appositamente ideata per lo Spazio Zero del museo, declina sul piano visivo l’interazione di due buchi neri attraverso un cunicolo spazio-temporale.

    Il catalogo della mostra – edito da GAMeC Books – presenterà testi di natura scientifica di Gianfranco Bertone, Giulio Peruzzi e Diederik Sybolt Wiersma, tracciando l’orizzonte concettuale di questo primo appuntamento della “Trilogia della materia”. Il volume includerà saggi di Lorenzo Giusti e Sara Fumagalli e interventi di critici, curatori e storici dell’arte internazionali chiamati a fornire una lettura approfondita delle opere in mostra: Alex Bacon, Mathieu Copeland, Anna Daneri, Micaela Deiana, Heike Eipeldauer, Eva Fabbris, Chiara Gatti, Valentina Gervasoni, Elio Grazioli, Luigia Lonardelli, Giorgio Mastinu, Fabiola Naldi, Alessandra Pioselli, Kari Rittenbach.

    ARTISTI IN MOSTRA

    Karel Appel, Hicham Berrada, Alberto Burri, Christo, Gino De Dominicis, Evelina Domnitch & Dmitry Gelfand, Jean Dubuffet, Simone Fattal, Jean Fautrier, Urs Fischer, Lucio Fontana, Alberto Giacometti, Lydia Gifford, Cameron Jamie, Asger Jorn, Hans Josephsohn, Anish Kapoor, Anselm Kiefer, Leoncillo Leonardi, Piero Manzoni, Nicola Martini, Luca Monterastelli, Movimento Arte Nucleare (Enrico Baj, Joe Colombo, Sergio Dangelo), Gastone Novelli, Tancredi Parmeggiani, Florence Peake, Carol Rama, Milton Resnick, Auguste Rodin, Medardo Rosso, Thomas Ruff, Ryan Sullivan, Antoni Tàpies, Jol Thomson, William Tucker.

    Orari d’apertura: 

    tutti i giorni dalle 10:00 alle 18:00

    chiuso il martedì

    Biglietti: 

    Intero: € 8,00

    Ridotto e Gruppi: € 6,00

    Biglietti famiglia:

    1 adulto + 1 bambino: € 12,00

    2 adulti + 1 bambino: € 18,00

    2 adulti + 2 bambini: € 22,00

    Visite guidate

    In italiano: € 80,00

    In lingua straniera: € 95,00

    Diritto di prenotazione: € 1,00 a persona

    Visitando la mostra alla GAMeC e l’esposizione “Le Storie di Botticelli. Tra Boston e Bergamo” all’Accademia Carrara, si potrà accedere al secondo museo con ingresso ridotto (€ 6,00 GAMeC; € 10,00 Accademia Carrara. Biglietto open).

    gamec.it 

     

    LA VERANDA E IL PERISCOPIO
    [= LA === VERANDA = E === IL === PERISCOPIO =]
    LUOGO_E
    11.10.18 - 15.12.18

    11 ottobre – 15 dicembre 2018
    Inaugurazione: giovedì 11 ottobre, ore 18.30
    Via Pignolo 116, 24121 Bergamo
    tel. +39 035 247293
    gio-sab 14.00 – 18.00
    luogo.e@gmail.com
    www.luogoe.com



        [== LINK ==]

    La veranda e il periscopio
    11 ottobre – 15 dicembre 2018
    giovedì, venerdì, sabato 14 – 18
    Inaugurazione giovedì 11 ottobre, ore 18.30
    Umberto Fiori, Matteo Girola, Simone Monsi, Adele Pozzali, Miroslav Tichý

    Nel 1856 Herman Melville scrive La veranda (The Piazza), un racconto breve e dall’incipit autobiografico. Il protagonista si ritira tra i monti, in una fattoria la cui mancanza di una veranda gli pare “un’omissione tanto grave quanto quella di una pinacoteca priva di scanni o altro tipo di sedile”.
    Immagina una veranda panoramica, che circondi per intero la casa e gli regali una vista del paesaggio a trecentosessanta gradi ma, poiché “la casa era ampia, ristretta la sua fortuna”, l’uomo si trova a dover operare una scelta. E, valutata con attenzione la vista che ogni lato della casa gli offre, contro ogni aspettativa e consuetudine, costruisce la sua veranda a nord, suscitando l’ilarità dei vicini che non comprendono il valore di uno sguardo estetico/poetico, non utilitaristico.

    La veranda a nord piace a luogo_e perché è la ricerca di una “bella vista” personale, è la libertà di affermare un punto di vista altro, di gettare uno sguardo sorpreso su uno scenario sorprendente.
    Luogo_e presenta una mostra che è una veranda, un punto di osservazione situato, un posto da cui affacciarsi, rimanendo al riparo. Il panorama di cui si può godere da qui è l’incontro di punti di vista e di visioni a loro volta compositi e componibili.
    È una mostra sulla visione e sulle vedute, sul guardare e sul guardato, e su come sopravvivano in una contemporaneità in cui tutto sembra facile da vedere, ma difficile da guardare.
    È una mostra di paesaggi e paesaggisti, a modo suo, a modo nostro. Ma non solo.

    “La prima volta che guardai da questa finestra mi dissi: «Mai, mai mi stancherò di ciò»”, afferma Marianna, co-protagonista del racconto di Melville che, vivendo sempre appostata alla finestra, conosce a memoria tutte le ombre che il sole e le nuvole gettano attorno alla sua casa a qualsiasi ora, e ormai vi identifica cose e animali a lei familiari.
    In Marianna luogo_e rivede il ruolo dell’artista, che con gli occhi del viso scruta il panorama, e con quelli della mente vi legge significanti, vi scrive significati. Affacciato alla propria veranda, lo sguardo dell’artista è mezzo di figurazione, di prefigurazione, di trasfigurazione. È nel contempo situato e dislocato, direzionato sul qui e ora, e diretto altrove.
    Ecco perché, sebbene fedele alla sua natura di veranda, questa mostra si propone di essere anche
    periscopio, ovvero strumento tecnico grazie a cui poter rimanere immersi/sommersi, ma continuando
    a guardare al di là del limite fisiologico dell’occhio fisico, che è pur sempre sacro, ma altresì bisognoso di essere smentito e sorpreso.

    ALL YOU CAN EAT
    [= ALL = YOU === CAN = EAT ===]
    LICEO ARTISTICO MANZù DI BERGAMO & COLLETTIVO BE QUIET
    05.10.18 - 14.10.18

    Inaugurazione venerdì 5 ottobre 2018 ore 18.00
    Performance di Scande ore 19.00
    Finissage domenica 14 ottobre 2018 ore 19.00
    con performance di Adele H

    Apertura 5 – 14 ottobre ore 15.00 – 19.00
    c/o GIACOMO via Quarenghi 48 c/d



        [== LINK ==]

    All you can eat

    Mostra del collettivo Be Quiet
    a cura di Pamela Del Curto, Stefano Scandella, Eleonora Quadri

    Inaugurazione venerdì 5 ottobre 2018 ore 18.00
    Performance di Scande ore 19.00
    Finissage domenica 14 ottobre 2018 ore 19.00
    con performance di Adele H

    Apertura 5 – 14 ottobre ore 15.00 – 19.00
    c/o GIACOMO via Quarenghi 48 c/d

    L’espressione All you can eat è associata comunemente ai ristoranti a prezzo fisso dove puoi ordinare “tutto ciò che riesci a mangiare”. Usare questo titolo ci è sembrato il modo più diretto per descrivere cosa sia il consumismo odierno, causa e conseguenza di una società in crisi, in cui il mercato ha necessità di produrre al di là dei reali bisogni e al di là di valori tangibili.

    L’iper-consumo ha lentamente coinvolto tutti gli aspetti della nostra vita: la circolazione delle informazioni, la fruizione delle immagini, le interazioni tra le persone. Sommersi di oggetti stiamo perdendo la capacità di distinguere, di giudicare e di comprendere.

    Assorbiamo ogni giorno centinaia di immagini e di stimoli visivi, e in questa assuefazione la possibilità di sorprenderci diventa sempre più rara. L’appiattimento della comunicazione ha occupato anche gli spazi più privati e intimi, trasformati dai network sociali: mentre sembra impossibile stare soli, è sempre più difficile definire i confini tra interazione virtuale e relazione reale. 

    Da queste riflessioni è nata un’esposizione che riunisce sette opere pensate all’interno del collettivo Be Quiet, ensemble artistico creato quest’anno al Liceo Artistico Manzù di Bergamo con lo scopo di conoscere, sperimentare e fare esperienza dell’arte contemporanea.

    LORENZO SENNI - CANONE INFINITO
    [== LORENZO == SENNI ====== CANONE == INFINITO =]
    THE BLANK & OSPEDALE PAPA GIOVANNI XXIII
    20.11.18

    Canone Infinito
    Installazione sonora di Lorenzo Senni
    Ospedale Papa Giovanni XXIII (piazza OMS 1), Bergamo
    Inaugurazione: martedì 20 novembre 2018, ore 11.30-13.30



        [== LINK ==]

    BERGAMO
    OSPEDALE PAPA GIOVANNI XXIII
    DAL 20 NOVEMBRE 2018
    CANONE INFINITO
    L’INSTALLAZIONE SONORA DI
    LORENZO SENNI

    L’installazione site-specific dell’artista, musicista e compositore rimarrà in permanenza nei corridoi adiacenti le sale di Terapia Intensiva dell’ospedale bergamasco.

    L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra l’Ospedale Papa Giovanni XXIII e The Blank Contemporary Art, con l’intento di offrire i più efficaci e innovativi strumenti e servizi in ambito sanitario e culturale.

    L’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo sarà teatro di un’importante operazione culturale.

    Dal 20 novembre 2018, i corridoi che circondano la Terapia Intensiva ospiteranno, in maniera permanente, CANONE INFINITO, l’installazione site-specific di Lorenzo Senni (Cesena, 1983) a cura di Stefano Raimondi e Claudia Santeroni.

    L’iniziativa, nata dalla collaborazione tra due eccellenze del territorio, come l’Ospedale Papa Giovanni XXIII e The Blank Contemporary Art, è sostenuta da Fondazione Credito Bergamasco, Amici della Pediatria e dalla famiglia Santo Radici e si pone come un proficuo connubio tra sanità e arte all’interno di un percorso virtuoso che l’ospedale ha intrapreso da tempo.

    L’opera dell’artista, musicista e compositore si configura come una delicata e poetica accoglienza sonora destinata ai famigliari dei pazienti ricoverati nelle terapie intensive e allestita nei corridoi adiacenti. 

    Il lavoro si è sviluppato partendo dall’analisi delle particolari esigenze che il contesto del reparto di Terapia Intensiva richiede. La scelta di usare il mezzo sonoro, oltre a rispecchiare le più attuali ricerche dell’arte contemporanea, risponde all’esigenza di proporre un’opera che è percepibile ma che non vuole diventare un invasivo sfondo visivo per le persone che si trovano in attesa nei corridoi. La composizione sarà un suono che accompagna le persone durante tutta la giornata, udibile nei punti di transito dei lunghi corridoi, ma lontana dai luoghi di permanenza e di cura.

    Lorenzo Senni ha già dimostrato interesse e sensibilità rispetto all’ambiente dell’ospedale, approfondendo la tematica della malattia, della degenza e dell’operazione. Ne è un esempio la colonna sonora del video Da Vinci di Yuri Ancarani, presentato alla Biennale di Venezia del 2013, incentrato su un’operazione di microchirurgia robotica effettuata avvalendosi della macchina “Da Vinci”.

    L’ideazione di CANONE INFINITO è avvenuta in totale sintonia e dialogo con l’Ospedale e le sue esigenze. Il lavoro si è sviluppato partendo dall’analisi del particolare contesto dei reparti di terapia intensiva. Un esame approfondito grazie anche al supporto di Maria Simonetta Spada, direttore dell’Unità di Psicologia, e al contributo di Santo Radici, già direttore delle Risorse Umane dell’Ospedale, appassionato d’arte e referente per le installazioni artistiche nella struttura sanitaria. CANONE INFINITO, che diventerà di proprietà esclusiva dell’Ospedale Papa Giovanni XIII, arricchisce il patrimonio  culturale e artistico di alta qualità che caratterizza l’Ospedale di Bergamo e lo rende unico a livello internazionale, grazie alla presenza degli interventi permanenti di artisti quali Stefano Arienti, Francesco Garutti, Michelangelo Pistoletto, Andrea Mastrovito.

    Lorenzo Senni. Note biografiche

    Nato a Cesena nel 1983 e attualmente residente a Milano, Lorenzo Senni è un musicista la cui ricerca sonora è profondamente intrecciata con l’arte contemporanea.

    Produttore,  compositore  e  artista  multidisciplinare, è considerato  tra  i  più  promettenti  artisti  italiani  con  un’ampia  esperienza  internazionale,  come  dimostrano  le  sue  performance  in  importanti  istituzioni quali:  Centre  Pompidou  (Parigi),  Casa  da  Musica  (Porto),  Auditorium  Rai  (Torino),  Auditorium  Parco  della  Musica  (Roma),  Berghain  (Berlino),  SPACE  (Londra),  Zabludowicz  Foundation  (Londra),  S.M.A.K.  (Ghent),  ICA  (Londra),  Eletronika  Festival  (Brasile),  MACBA  (Barcellona) e  le  collaborazioni  con  artisti  quali  Cory  Arcangel,  Carsten  Holler,  Ed  Atkins,  Yuri  Ancarani.

    Lorenzo Senni è stato protagonista della rassegna Summer Casino all’Hangar Bicocca, a cura di Damián Ortega e Pedro Rocha.

    Ospedale Papa Giovanni XXIII

    L’Ospedale Papa Giovanni XXIII è tra i più grandi ospedali italiani e ospita tutte le specialità cliniche: attivo dal dicembre 2012, è un ospedale moderno e ad alto tasso di tecnologia, realizzato per massimizzare il benessere di malati e operatori.

    Ogni anno sono infatti 1 milione le persone che accedono agli ambulatori per visite ed esami, oltre 100 mila quelle che accedono al Pronto Soccorso, 45 mila quelle che vengono ricoverate, 36 mila quelle che subiscono un intervento chirurgico, più di 4 mila le donne che danno alla luce i loro bambini e oltre 300 i pazienti che ricevono un trapianto. 

    Prestigioso è il patrimonio artistico che l’azienda ospedaliera custodisce, costituito da importanti opere di artisti contemporanei che hanno scelto il Papa Giovanni per esporre i loro lavori: opere che simbolicamente abbracciano le 10 mila persone che ogni giorno transitano per l’Ospedale di Bergamo, compresi i 4 mila operatori che al Papa Giovanni lavorano: medici, infermieri e personale tecnico, che offrono ogni giorno, ogni ora, assistenza globale e polispecialistica di alto livello ad adulti, bambini e anziani affetti da ogni patologia.

    The Blank Contemporary Art

    The Blank è un’associazione culturale nata a Bergamo nel 2010 con l’intento di diffondere ed ampliare la passione e la curiosità verso l’arte contemporanea. The Blank è stata premiata nel 2016 come migliore realtà indipendente italiana da i7 –MAXXI, Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo di Roma e nel 2018 è tra i vincitori di Italian Council, il principale progetto del Ministero dei Beni e delle attività culturali. The Blank riunisce e promuove le realtà culturali del territorio bergamasco: istituzioni, musei, project space, artisti, collezionisti, operatori culturali.

    Tra le attività principali che l’associazione organizza annualmente figurano il progetto di Residenza d’artista The Blank Residency e il Festival ArtDate, riconosciuto per la qualità del suo programma dalla piattaforma della Comunità Europea EFFE – Europe for Festivals.

    Tra gli artisti con cui The Blank ha collaborato durante questi anni di attività: Guido Van der Werve, Jonas Mekas, Brendan Lynch, Adelita Husny-Bey, Salvatore Arancio, Andrea Mastrovito, Josh Tonsfeldt, Keren Cytter, Deimantas Narkevicious, Jonathan Monk, Cecile B. Evans, Dan Rees, Franco Vaccari.

    Bergamo, settembre 2018

    LORENZO SENNI. CANONE INFINITO

    Bergamo, Ospedale Papa Giovanni XXIII (piazza OMS 1)

    Informazioni

    The Blank Contemporary Art

    via G. Quarenghi 50 – 24122 Bergamo, Italy 

    associazione@theblank.it 

    T. +39.035.19903477

    www.theblank.it

    Ufficio stampa Ospedale di Bergamo

    Davide Cremaschi | tel. +39.035.2674065 |mob. +39.348.0809251 |

    ufficiostampa@asst-pg23.it | www. asst-pg23.it

    Ufficio stampa The Blank Contemporary Art

    CLP Relazioni Pubbliche 

    Stefania Rusconi | tel. 02.36755700 | stefania.rusconi@clponline.it | www.clp1968.it

    Comunicato e immagini su www.clp1968.it

    ART UP 10/18 OLAFUR ELIASSON
    [= ART === UP === 10 == 18 = OLAFUR = ELIASSON ===]
    ART UP – UBI BANCA
    01.10.18 - 31.10.18

    Dal lunedì al venerdì: 8.20/13.20 – 14.40/16.10
    INGRESSO LIBERO
    UBI Banca
    Piazza Vittorio Veneto n. 8 – Bergamo



        [== LINK ==]

    ART UP 2018
    a cura di Enrico De Pascale

    Incontri ravvicinati con la collezione d’arte di UBI Banca
    10 – 2018
    1-31 ottobre 2018
    UBI BANCA, Piazza V.Veneto 8, Bergamo

    ART UP è un’iniziativa culturale con cui UBI Banca intende offrire alla gentile clientela un incontro ravvicinato e “guidato” con le opere della sua collezione d’arte antica e contemporanea. Ogni mese presso l’ingresso della Sede di Bergamo, in piazza Vittorio Veneto 8, una nuova opera d’arte (dipinto, scultura, disegno, fotografia, stampa, video, installazione, ecc.) selezionata tra quelle provenienti dalla raccolta della Banca Popolare di Bergamo, viene proposta al pubblico e analizzata tramite una scheda storico-critica, illustrata e collezionabile, realizzata per l’occasione dallo storico dell’arte Enrico De Pascale curatore e conservatore della collezione proveniente dalla Banca Popolare di Bergamo.

    OLAFUR ELIASSON
    Four nine blue to orange movie sequences, 2010
    acquerelli e matita su carta – cm 56,5 x 65,4 ciascuno

    Presentata nel 2010 in un’importante mostra presso una galleria d’arte newyorchese, l’opera è emblematica della pluriennale ricerca di Eliasson sulle interazioni tra il colore e la luce nello spazio; un’esposizione che comprendeva anche alcune installazioni strutturate in forma di celle (Multiple shadow houses) con cui lo spettatore era invitato a interagire determinando coi movimenti del proprio corpo lo sviluppo di immagini luminose proiettate sulle pareti da speciali riflettori.
    Configurati in ritmiche sequenze, gli acquerelli utilizzano la forma dell’ellisse e del cerchio per strutturare in chiave narrativa il tema della percezione del colore-luce secondo una linea di ricerca che dal Futurismo (Balla) e dall’Astrattismo costruttivista, giunge sino all’Optical Art e all’Arte Cinetica. Eliasson sfida la nozione dell’opera d’arte come oggetto statico, suggerendo che il potenziale generativo di ogni creazione estetica si trovi piuttosto nella relazione partecipata con lo spettatore.

    OLAFUR ELIASSON (Copenaghen, 1967)
    Si è formato in Danimarca studiando alla Royal Danish Academy of Art (1989-1995). Dopo essersi laureato, si è trasferito a Berlino dove ha aperto un suo studio in cui lavorano circa settanta tra artigiani, architetti, ingegneri, scienziati. Dagli environments immersivi di colore, luce e movimento alle installazioni che ricontestualizzano i fenomeni naturali, la sua opera sfida la tradizionale nozione di opera d’arte come oggetto, proponendosi come una forma dell’esperienza, con il visitatore attivamente impegnato e coinvolto nel processo artistico.
    Nel 2003 ha rappresentato la Danimarca alla 50a Biennale di Venezia e ha realizzato il celebre lavoro The Weather Project nella Turbine Hall della Tate Modern a Londra. Ha prodotto una ricca serie di installazioni permanenti, opere site-specific, esposizioni, tra cui: The lost compass, Red Brick Art Museum, Beijing 2018; 57 Biennale Internazionale d’Arte di Venezia; Waterfall 2016, Palace of Versailles, 2016; Inside the horizon, Fondation Louis Vuitton, Paris, 2014; Your rainbow panorama presso ARoS Aarhus Kunstmuseum in Danimarca (2011); le facciate per l’Harpa Reykjavik Concert Hall in Islanda, 2011; The parliament of reality al Bard College, New York, 2009.

    ART UP 9/18 NATALE MORZENTI
    [=== ART === UP === 9 ==== 18 ==== NATALE == MORZENTI =]
    ART UP – UBI BANCA
    03.09.18 - 28.09.18

    Dal lunedì al venerdì: 8.20/13.20 – 14.40/16.10
    INGRESSO LIBERO
    UBI Banca
    Piazza Vittorio Veneto n. 8 – Bergamo



        [== LINK ==]

    ART UP 2018

     a cura di Enrico De Pascale

    3-28 settembre 2018

    NATALE MORZENTI    

    AUTORITRATTO con la scodella  

    Olio su tela, cm 100×70

    1925 ca. 

    firmato in basso a destra

    Collezione UBI Banca, Sede Bergamo 

    La ricca produzione di Morzenti comprende un notevole numero di Autoritratti scalati lungo l’arco dell’intera carriera, durata una quarantina d’anni circa. La sequenza è tale da costituire una ricca e variegata galleria d’immagini in cui il corpo dell’artista appare in costante trasformazione. Lo spunto è tipico di una ben nota tradizione dell’Espressionismo europeo -da Van Gogh a Munch a Schiele (con l’insuperabile precedente di Rembrandt)-, che concepisce l’Autoritratto come una sorta di autoanalisi, di incessante e spesso impietoso esercizio di scavo introspettivo. In molti casi il pittore si diverte a interpretare i diversi tipi di una sua personale “commedia umana” esibendosi en travesti nelle vesti ora di un bevitore, ora di un frate o di un vagabondo ecc. Ambientato in un interno privo di notazioni d’arredo, il presente autoritratto mostra un Morzenti già in età matura che fissa l’osservatore con sguardo indagatore e quasi sospettoso. La tavolozza, pressoché monocroma, è calibrata sulle tonalità neutre dei beige, dei bruni e degli ocra che valorizzano il candore della ciotola, stretta nella mano destra del pittore, in un gesto a metà strada tra la richiesta e l’offerta.  

    NATALE MORZENTI (Silvano d’Orba, (AL) 1885 – Martinengo 1947) 

    Figlio di un  intagliatore, nel 1902 è iscritto ai corsi dell’Accademia Carrara, che conclude nel 1907 dopo aver raccolto numerosi premi e segnalazioni di merito. Tra I suoi compagni di studi vi sono Giovanni Marini, Oprandi, Alebardi, Brugnetti. Vincitore del Premio Piazzoni nel 1911 è a Roma dove frequenta la Scuola Libera dl Nudo all’Accademia di Belle arti. Gli anni seguenti espone più volte a Brera e alla Permanente.  La sua ricca produzione comprende autoritratti, ritratti, figure di mendicanti e bevitori, scene agresti e di vita dei campi. Conduce una vita difficile, con persistenti problemi economici, aggravati dal carattere schivo e solitario e dall’isolamento nella comunità periferica di Martinengo, nella Bassa bergamascaNel 1926 tiene la sua prima importante personale alla galleria Bolognesi di Milano ottenendo apprezzamenti da parte di critici autorevoli come Raffaello Giolli e Carlo Carrà. Nel 1927 a Roma tiene un’esposizione presso il teatro Quirino. Artista originalissimo, solitario e in qualche modo fuori dal tempo, mostra una cultura figurativa ricca di suggestioni provenienti tanto dalla pittura europea del XVII secolo (Rembrandt) che dai principali esponenti dell’Espressionismo austriaco, tedesco, norvegese. 

     

    PRATICA DEL LUOGO TRA URBANISTICA E TRANSMEDIA STORYTELLING
    [== PRATICA === DEL == LUOGO === TRA ==== URBANISTICA == E === TRANSMEDIA === STORYTELLING =]
    VAKU PROJECT SPACE
    23.09.18

    Talk pubblico domenica 23 settembre ore 16.00
    Via Montegrigna, Celadina (Bg)



        [== LINK ==]

    PRATICA DEL LUOGO
    TRA URBANISTICA E TRANSMEDIA STORYTELLING

    Talk pubblico domenica 23 settembre ore 16.00
    Via Montegrigna, Celadina (Bg)

    Team di ricerca:
    Alberto Ceresoli (Bergamo, 1989) – Curatela
    Clara Scola (Lecco, 1994) – Coordinator Assistant
    Astrid Serughetti (Bergamo, 1983) – Giornalista
    Luca Brama (Lecco, 1992) – Fotografo
    Viola Ongaro (Bergamo, 1981) – Performer
    Chiara Gianati (Bergamo, 1988) – Psicologa

    Pratica del luogo: tra urbanistica e transmedia storytelling nasce come riflesso di un sguardo rivolto alla periferia. Interrogandosi sull’identità e i bisogni del periurbano, il team di lavoro composto da professionisti con background e formazioni differenti ha voluto sperimentare una modalità d’osservazione della periferia attraverso gli strumenti epistemologici della lentezza e del cammino. Il percorso di ricerca ha voluto esplorare l’identità della città attraverso un punto d’osservazione che anziché partire dal centro parte dalle sue zone esterne, di raccordo, quelle “maree di trasformazione urbana” (Bassetti, 2014), territori incongrui, enigmatici e in costante mutamento.

    Con la consapevolezza rispetto all’importanza di generare nuove categorie interpretative per la città e di individuare nuove paradigmi conoscitivi, attraverso l’alleanza di formazioni, proposizioni artistiche e attingendo da modelli di riferimento in ambito artistico, urbanistico, antropologico, il team di lavoro ha costruito un percorso rivolto all’esplorazione del quartiere di Celadina. Un’esplorazione caratterizzata dallo studio del territorio e dei fenomeni ad esso collegato, un’esplorazione che si è definita attraverso sopralluoghi organizzati e/o camminate nomadi, attraverso l’osservazione dello spazio e delle cose, attraverso un impegno nell’edificare relazioni e nuove modalità di scambio con gli abitanti del quartiere, attraverso la progettazione e la documentazione. Il percorso di esplorazione si è tradotto con una narrazione transmediale, un archivio di cultura materiale-spaziale che alcuni architetti e urbanisti in Europa chiamano, sulla scia di Boeri, atlante eclettico, il cui scopo e` di trasformare il nostro sguardo, rinnovare i nostri modi di vedere e decodificare lo spazio urbano e la società che lo abita. L’atlante eclettico, che ha preso forma con una pubblicazione cartacea, prodotto come riflesso dell’esperienza condivisa dal gruppo di lavoro, è composto da testi, fotografie, descrizioni geografiche, letterarie: un assortimento di strumenti che “cercano nuove corrispondenze logiche tra le cose dello spazio, le parole che usiamo per nominarle e le immagini mentali che su di esse proiettiamo”(Boeri).

    Nello specifico il progetto si è articolato con l’organizzazione di tavoli di lavoro, con l’organizzazione di incontri dedicati alla “pratica del luogo” (esplorazione sul campo), con l’organizzazione di incontri per la raccolta del materiale e lo scambio critico, e si concluderà con l’organizzazione di un talk pubblico finalizzato alla restituzione e al coinvolgimento della cittadinanza. Il dialogo con il pubblico rispetto a quanto emerso durante il mese di lavoro sarà accompagnato dalla distribuzione gratuita di una pubblicazione cartacea (atlante eclettico): una mappatura sensibile, complessa e dinamica del territorio realizzata con il contributo dei diversi approcci disciplinari; un inedito strumento di conoscenza che potrà contribuire a promuovere la diffusione di una maggiore consapevolezza della popolazione nei confronti del proprio territorio e quindi ottenere più efficaci feedback di partecipazione creativa nella gestione delle problematiche territoriali e urbanistiche. La stessa pubblicazione sarà distribuita presso lo spazio terzo mondo, libreria adiacente all’area di interesse, che si è resa disponibile nell’agevolare la distribuzione. 

    Il progetto è sostenuto dal Comune di Bergamo nell’ambito di Bergamo Estate 2018.

    Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/930465607136602/

    ©THE BLANK 2018
    SOCIAL
                 
    APP
       
    VAKU PROJECT SPACE | PRATICA DEL LUOGO TRA URBANISTICA E TRANSMEDIA STORYTELLING | 23.09.18