• Italiano
  • English
  • EN/IT
    What’s on
    MARIO GIACOMELLI - TERRE SCRITTE
    [== MARIO ==== GIACOMELLI ===== TERRE === SCRITTE ==]
    FONDAZIONE MIA
    21.04.17 - 31.07.17

    Complesso Monumentale di Astino

    Il Complesso Monumentale sarà aperto ad orario festivo (cioè venerdì dalle 16 alle 24 mentre sabato domenica e festivi dalle 10 alle 24) fino a martedì 25 aprile e poi per tutto il mese di maggio.



        [== LINK ==]

    a cura di Corrado Benigni e Mauro Zanchi

    Oltre 40 scatti, molti inediti, provenienti direttamente dall’Archivio Mario Giacomelli di Sassoferrato (Rita Giacomelli), in una mostra esclusiva, promossa dalla Fondazione MIA, curata da Corrado Benigni e Mauro Zanchi, per raccontare un maestro indiscusso della fotografia italiana.
    Per la prima volta a Bergamo, nella bellissima cornice del Complesso Monumentale di Astino, questa esposizione vuole indagare l’opera di Mario Giacomelli attraverso un percorso inedito che rilegge l’esperienza di questo grande autore, che con i suoi potenti bianco e neri ha rivoluzionato il linguaggio della fotografia.
    Il tema portante della mostra sarà il paesaggio. Questo motivo è stato fondamentale nel percorso creativo di Giacomelli, ricorrendo continuamente nelle sue fotografie. In particolare il paesaggio campestre delle Marche, ripreso in modo personalissimo e interpretato in maniera sempre più grafica. “Cerco i segni nella terra, cerco la materia e i segni, come può fare un incisore”, ha detto lo stesso Giacomelli.
    Il paesaggio di Giacomelli è insieme reale e inventato, così come il suo sguardo è visionario e visivo al contempo. È il pretesto per rappresentare una situazione altra. Le sue sono “terre scritte”, dove l’orizzonte è quasi del tutto eliminato: un incastro di tempo e non-tempo. Nei suoi paesaggi il rapporto tra campagna e memoria, tra Giacomelli e una terra-madre negata e accettata si fa più drammatico, traducendosi in un’asciutta e grande rappresentazione. Della terra egli coglie i segni, la materia, i solchi, tuttavia trovando in essi corrispondenze con i corpi dell’uomo, perché la terra, nella sua poetica, è la carne stessa dell’uomo. In questa serie di scatti, in particolare, partendo dai piccoli dettagli della natura, che veicolano in sé un respiro umano, come un alchimista dello sguardo egli trasforma l’immagine in un “doppio visivo”.
    Il paesaggio di Giacomelli, paesaggio della memoria e della favola, paesaggio di figure nascoste e di prodigi, dialoga perfettamente con il luogo e la natura di Astino. Accanto a questa serie saranno esposti anche gli scatti che fanno parte del ciclo Motivo suggerito dal taglio dell’albero, tra le prove più persuasive del maestro marchigiano e che insieme al paesaggio rappresentano un’indagine profonda sul tema della natura.

    Catalogo edito da Silvana Editoriale (€ 20,00), con testi di Corrado Benigni, Mauro Zanchi, Katiuscia Biondi e un’intervista ad Artuto Carlo Quintavalle (a cura di Corrado Benigni)

    ART UP 5/17 - GELITIN
    [= ART ===== UP = 5 === 17 ==== GELITIN ==]
    ART UP – BANCA POPOLARE DI BERGAMO
    02.05.17 - 31.05.17

    lunedì – venerdì: 8.20/13.20 – 14.40/16.10
    INGRESSO LIBERO

    Banca Popolare di Bergamo,
    Piazza Vittorio Veneto n. 8 – Bergamo



        [== LINK ==]

    ART UP 5/17 – GELITIN
    a cura di Enrico De Pascale

    GELITIN, Some Like It Hot – LIV Biennale di Venezia 2011
    2011, matita, inchiostro, pennarelli indelebili su carta, cm 100×70 cad.
    Bergamo, Collezione Banca Popolare di Bergamo

    Il ciclo di opere è stato realizzato in occasione della partecipazione del gruppo austriaco alla LIV Biennale di Venezia (2011) durante la quale, nello spazio del Giardino delle Vergini, è andato in scena lo spettacolo-performance Some Like It Hot .
    Nel corso di più giorni il collettivo ha celebrato la propria presenza alla rassegna d’arte veneziana con uno psichedelico e “dionisiaco” rituale al cospetto di una improvvisata fornace che ingoiava a getto continuo ogni sorta di materiali vetrosi per realizzare improvvisate sculture, tra musiche, danze, performances di ogni genere. Un’ininterrotta eruzione creatrice, memore di antichi rituali pagani, accompagnata dal sound punk-rock dei Japanther, sostenuta da numerose guest-stars internazionali e da liberi interventi del pubblico.

    Gelitin (Vienna 1990)
    Gelitin è un gruppo di artisti austriaci nato nel 1990 e formato da Ali, Florian, Tobias e Wolfgang. I quattro vivono e lavorano a Vienna. Hanno esposto con mostre collettive presso la Wiener Secession a Vienna, il Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris, la Malmö Konsthall di Malmö, l’Arsenale di Venezia, la Hayward Gallery di Londra, il Centre Pompidou di Parigi e lo S.M.A.K di Gent. I Gelitin hanno rappresentato l’Austria alla 49a Biennale di Venezia (2011). Prossime mostre: Fondazione Prada, Milano (2017); Museo di Villa Croce, Genova (2018).

    NATURA ALTERA - PINA INFERRERA
    [= NATURA === ALTERA ===== PINA ===== INFERRERA ==]
    ABITARE BALERI
    11.05.17 - 17.06.17

    orari: 9.00 – 12.00 / 15.00 – 19.00

    via Volta 2/4 Albino (BG)



        [== LINK ==]

    a cura di Roberto Borghi

    Fino al 17 giugno, saranno esposte una trentina di opere realizzate durante gli ultimi cinque anni nel corso di viaggi in Austria, nella regione della Stiria, e in Francia, sulle coste della Normandia e lungo i fiumi della Borgogna. Immagini in cui la vegetazione è colta in rapporto all’acqua e al suo potenziale di rispecchiamento, scatti in cui la natura riverberandosi conosce una sorta di alterazione dei suoi lineamenti, una trasformazione in qualcosa di letteralmente altro che ha tratti spiccatamente pittorici e un’intonazione velatamente metafisica. In queste opere insomma si manifesta – secondo Roberto Borghi, curatore della mostra – una visione «totalmente altra» dal canone romantico della rappresentazione della natura che la vorrebbe «riflesso dell’interiorità dell’artista»: qui invece assistiamo a «una natura che si specchia in se stessa e che non si ritrova, una natura che specchiandosi si tramuta, si dissolve, si perde», ma grazie a tale perdita acquisisce ieraticità e vitalità inconsuete e preziose.

    GUIDO VAN DER WERVE
    [= GUIDO ==== VAN ==== DER == WERVE =]
    NEWSLETTER APRILE 2017
        [== LINK ==]

    99 PAROLE CON GUIDO VAN DER WERVE

    GUIDO VAN DER WERVE, NUMMER DERTIEN, EFFUGIO B: PORTRAIT OF THE ARTIST AS A MOUNTAINEER, 2010, DUE C-PRINTS DIGITALI, UN TESTO CON CORNICE, OGNI STAMPA: 58.1 X 44.13 cm
    Courtesy dell’artista

    Il 19 gennaio 2010 ho raggiunto la cima dell’Aconcagua, in Argentina, alta 6.962 metri.

    Ero alla ricerca di saggezza in quel periodo e speravo di trovarla sulla vetta. Avevo sentito storie come “se lo fai sulla cima, ne sarà valsa la pena” e “sali da ragazzo e scendi da uomo”.

    Dopo due mesi di pene e sofferenze, finalmente abbiamo raggiunto la sommità. A parte essere completamente esauto, non ho sentito nulla.

    Guido van der Werve

    SENTIERI CREATIVI 2017
    [= SENTIERI === CREATIVI === 2017 =]
    POLITICHE GIOVANILI DEL COMUNE DI BERGAMO
    01.04.17 - 21.04.17

    Gli orari di apertura del Protocollo sono: da lunedì al venerdì il mattino dalle ore 8.30 alle ore 12.30, il pomeriggio dalle ore 14.30 alle ore 16.30.

    Per eventuali informazioni: maddalenabianchetti@comune.bg.it
    + 39 035 399 656



        [== LINK ==]

    Le Politiche Giovanili del Comune di Bergamo propongono il bando Sentieri Creativi. Il progetto è finalizzato alla creazione di un’opera d’arte nei pressi dell’Ostello a Curò (1895 m s.l.m).

    Il bando è rivolto a giovani under 30, e offre la possibilità di svolgere 5 giorni di residenza artistica gratuita all’Ostello al Curò e un premio di 2000€.

    Il bando scade il 21 aprile. Tutte le informazioni al sito www.giovani.bg.it/sentieri-creativi-2017/

    [== DOWLOAD BANDO E MODULO DI ADESIONE ==]

    CLAUDIO PARMIGGIANI - RINASCERE DAL DOLORE
    [= CLAUDIO == PARMIGGIANI ==== RINASCERE ===== DAL ==== DOLORE ==]
    MUSEO BERNAREGGI
    10.04.17 - 23.04.17

    martedì – domenica: 15:00 – 18:00

    info:
    info@fondazionebernareggi.it
    tel. 035 24 87 72



        [== LINK ==]

    La Mostra di Claudio Parmiggiani sarà inaugurata il 27 marzo p.v. presso la Galleria San Fedele a Milano, dando avvio alla staffetta- mostra itinerante che nei mesi successivi vedrà l’opera esposta in 12 diversi musei ecclesiastici italiani tra cui il Museo diocesano Adriano Bernareggi di Bergamo.

    FRANCOIS HUON
    [=== FRANCOIS = HUON ===]
    STUDIO VANNA CASATI
    05.04.17 - 06.05.17

    opening:  5 aprile, h. 18:30-20:00
    lunedì – sabato: 17:00 – 19:30
    martedì chiuso

    tel. +39 0352223333
    vannacasati@fastwebnet.it
    www.vannacasati



        [== LINK ==]

    Presente con una seconda mostra negli spazi dello studio Vanna Casati a Bergamo, l’artista belga Francois Huon continua la sua ricerca in ambito scultoreo con una raffinata indagine sulla proliferazione delle forme, declinate ed assemblate in materiali quali alluminio, legno, plastiche di varia natura. L’effetto finale è quello di un infinito gioco, in cui sono pressochè assenti e la monumentalità tipica di tanta scultura ed ogni tensione emotiva per fare spazio ad un linguaggio fatto di luce e di colore.

    EVENTI APRILE
    [= EVENTI === APRILE =]
    GAMEC – GALLERIA D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
    03.04.17 - 09.04.17
        [== LINK ==]

    * Lunedì 3 aprile, dalle 17:30 alle 19:00
    SFOGHI – Matta, Sutherland. Sogno o son desto?
    Percorso progettato e condotto da Clara Luiselli – Artista ed Educatrice museale

    Continua la serie di laboratori pensati per muoversi nelle sale della GAMeC, senza fretta, in cerca di un dialogo sottile e profondo con le opere esposte, attraverso possibilità di sperimentazione multisensoriale.

    Iniziativa a pagamento: € 10,00
    Prenotazione obbligatoria
    Percorso a numero chiuso (min. 7 – max. 12)
    Termine iscrizioni: entro il lunedì antecedente

    * Giovedì 6 aprile dalle 16:30 alle 18:30
    ART BREAK – Fumetti di vetro

    Laboratorio per bambini dai 5 agli 11 anni
    a cura di Laura Di Bella, Educatrice GAMeC

    Dallo stile delle vetrate gotiche all’opera di Valerio Adami e al linguaggio pop, un veloce viaggio nell’arte che ci porterà alla creazione di un breve racconto collettivo realizzato con la tecnica del fumetto.

    Iniziativa a pagamento: € 10,00
    Prenotazione obbligatoria
    Percorso a numero chiuso (min. 10 – max. 18)
    Termine iscrizioni: entro il sabato antecedente

    * Domenica 9 aprile dalle 10:00 alle 19:00
    Buon compleanno Baudelaire!

    In occasione del compleanno del famoso poeta francese Charles Baudelaire, nato il 9 aprile 1821, la GAMeC, in collaborazione con l’ITC Vittorio Emanuele II, offre ai visitatori la possibilità di percorrere la sala che l’artista Mario Cresci ha dedicato alla rivisitazione del ritratto di Baudelaire accompagnati da studenti che spiegheranno il suo lavoro, racconteranno la vita del poeta e leggeranno alcune sue poesie, legate all’arte, in francese e in italiano.

    PIPI CARRARA - SPERIMENTAZIONI SULLA FORMA
    [== PIPI == CARRARA === SPERIMENTAZIONI ==== SULLA === FORMA ==]
    GAMEC – GALLERIA D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
    08.04.17 - 15.05.17

    INGRESSO LIBERO

    Via San Tomaso, 53 – Bergamo
    Tel. + 39 035 270272
    www.gamec.it



        [== LINK ==]

    a cura di M. Cristina Rodeschini

    GAMeC, Spazio ParolaImmagine

    La mostra presenta un insieme di sculture realizzate da Umberto (Pipi) Carrara tra la fine degli anni Cinquanta e il 2000, in cui emerge la perfezione formale tipica dell’artista.
    La naturalezza del legno, la lucentezza dell’argento, la levigatezza del gesso e la morbidezza della terracotta esprimono il mondo poetico di Carrara, in un percorso che dalla figurazione approda all’astrazione.

    ATTILIO NANI - LA SCULTURA DISEGNATA
    [=== ATTILIO == NANI ===== LA === SCULTURA == DISEGNATA =]
    GAMEC – GALLERIA D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
    01.04.17 - 07.05.17

    martedì – venerdì: 14:30-18:00
    sabato, domenica e festivi: 09:30-13:00 / 14:30-18:00

    lunedì chiuso
    Ingresso libero

    Ex Ateneo di Scienze, Lettere ed Arti
    Piazza Padre Reginaldo Giuliani
    Bergamo, Città Alta
    www.gamec.it

     



        [== LINK ==]

    a cura di M. Cristina Rodeschini e Valentina Raimondo

    Ex Ateneo di Scienze, Lettere ed Arti — Bergamo, Città Alta

    La GAMeC dedica un omaggio ad Attilio Nani, figura di riferimento per la storia dell’arte bergamasca del secolo scorso. La mostra presenta il percorso artistico e stilistico compiuto dallo scultore a partire dalla fine degli anni Venti fino ai suoi esiti estremi nella seconda metà degli anni Cinquanta, attraverso una selezione di sculture, sbalzi, incisioni, disegni e oggetti di design.
    Le opere, che coprono l’intero arco della carriera artistica di Nani, provengono da importanti istituzioni del territorio bergamasco (GAMeC, Biblioteca Civica Angelo Mai, MAT di Clusone, Casa Museo Fantoni di Rovetta).

    ©THE BLANK 2017
    SOCIAL
                 
    APP
       
    GAMEC – GALLERIA D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA | ATTILIO NANI - LA SCULTURA DISEGNATA | 01.04.17 - 07.05.17